Etichettato: piazza Mantegna

RINVIATO – Con la pace si vince sempre. Incontro 31 maggio in piazza Alberti

Dopo un rapido scambio di opinioni, di fronte a questi eventi tragici che ci hanno colpito con il terremoto, sentiti anche i relatori, abbiamo creduto fosse opportuno

sospendere

 l’incontro “L’Italia ripudia la guerra: educhiamo alla pace” che era in programma per giovedì sera, 31 maggio.

Nonostante tutto fosse già predisposto, riteniamo doveroso esprimere con il silenzio la nostra partecipazione commossa per le vittime ed il dolore di migliaia di persone così duramente colpite  dal sisma.

————————————————————————————————–

 

 

Vedremo il 2 giugno sfrecciare i caccia nel cielo di Roma con scie tricolori?  Vedremo sfilare cannoni e carri armati e uomini in armi?

Se sembrava anacronistica la celebrazione della festa della Repubblica ( e della nostra Costituzione!!!) già come principio in assoluto ed ancora di più in questo menento di grave crisi economica ( costa milioni di Euro quando ai pensionati con 1.000 ero mese – oggi l’INPS ci dice che il 52% dei pensionati è sotto questa somma-, oggi appare addirittura stridente con la realtà della tragedia di un terremoto che ha colpito migliaia di persone.

CHIEDIAMO L’ANNULLAMENTO DELLA PARATA MILITARE E LA DEVOLUZIONE DEI SUOI COSTI ALLE POPOLAZIONI COLPITE DAL SISMA

NE PARLEREMO ANCHE GIOVEDI’ SERA ALLE ORE 20,45 ALLA SALA DELLE CAPRIATE IN PIAZZA L. B. ALBERTI NEL NOSTRO INCONTRO:

L’ITALIA RIPUDIA LA GUERRA: EDUCHIAMO ALLA PACE

CON

FLAVIO LOTTI _COORDINATORE DELLA TAVOLA DELLA PACE NAZIONALE

E

ELENA MONICELLI _COORDINATRICE DELLA SCUOLA DI PACE DI MONTE SOLE

Vi allego una nota, fatta pervenire qualche giono fa a cura di Flavio Lotti, nella quale analizza il “progetto di difesa” depositato al Senato dal nostro “generale”  Ministro della difesa.  E’ istruttivo.

Fate girare l’invito ed il documento.

Spero siate numerosi.

Buona notte

Alessandro Monicelli per LeG Mantova

Presidio permanente in piazza Mantegna

Carissimi tutti, mentre vi allego il manifestino dell’iniziativa di sabato prossimo, secondo incontro sulla Costituzione nel 150esimo dell’Unità d’Italia organizzato dalla nostra associazione con Acli provinciale e Libera, vi ricordo un’altra iniziativa che abbiamo cercato di mettere in piedi.

Presidio permanente

Protesta per l'ordinanza anti-accattonaggio del luglio 2010

 

Si tratta della proposta di un presidio permanente da organizzarsi in città e nei paesi allo scopo di incontrare la gente, cercare di dialogare, testimoniare con una presenza “visibile” (qualcosa di tricolore, qualche cartello e la Costituzione) il nostro rifiuto a tacere di fronte a una situazione politico istituzionale che si fa giorno per giorno sempre più pericolosa per le sorti della nostra convivenza civile e della nostra democrazia.

Credo che la società civile più attenta abbia in questo momento una grande responsabilità che la storia del nostro Paese ci riserva e non possiamo restare rintanati nel nostro scontento scambiandoci fra noi messaggi e documenti via mail.

Nonostante i mezzi di comunicazione sempre più sofisticati, ci sono momenti che possono e devono essere vissuti solo nella piazza, nella strada, nell’incontro, nella presenza viva e concreta.

Giovedì scorso ci siamo trovati (in troppo pochi!) per verificare la possibilità di realizzare questa iniziativa e si è voluto provare a darvi inizio nonostante la scarsa risposta.

Il presidio permanente per ora viene ridotto a una sola volta la settimana, ma non si è voluto rinunciarvi.

Per quattro venerdì, a partire dal prossimo 15 aprile dalle ore 18 alle ore 19, ci ritroveremo in piazza Mantegna con i simboli che ci faranno riconoscere (coccarda e Costituzione) e per distribuire un primo documento che sarà tratto dal manifesto che Zagrebelski ha scritto per la nostra associazione e pubblicato su Repubblica di qualche giorno fa.

Vorrei che in tanti accogliessero questo invito e vedervi comparire in piazza, ma vi chiedo anche la cortesia di farmi sapere fin da ora la vostra eventuale adesione in modo da programmare adeguatamente il sit in.  Per ora siamo una quindicina, ma non sarebbe male che fossimo tanti di più per quel primo incontro e poter magari estendere anche ad altri giorni la nostra presenza in piazza.

Sappiatemi dire.

Arrivederci a tutti.

Alessandro Monicelli per Leg Mantova

Dignità delle donne, intervento di LeG_MN

Come in 240 città italiane e 40 all’estero, anche la piazza di Mantova è risultata ieri piena di donne e uomini a dire “basta” e a rivendicare il diritto alla “dignità”. Ѐ stato un bel ritrovarsi e dobbiamo essere grati alle donne che hanno avuto questa sensibilità che hanno saputo tradurre anche in un modo “diverso” di stare insieme, dove la gioia non ha diminuito l’impegno, il sorriso e il canto non hanno intaccato la profondità del messaggio e dello sdegno.

Dobbiamo continuare questo impegno pubblico di testimonianza e spero che ancora le donne non si lascino

Manifestazione in piazza Mantegna, le donne s'indignano - da Articolozero.org

sfuggire l’occasione del prossimo 8 marzo: via riti e mimose e torniamo fra la gente a dire le nostre sacrosante ragioni e a tenere desta una coscienza che piano piano si sta risvegliando in molti.

Vi trasmetto l’intervento che ho fatto in nome di LeG alla manifestazione di ieri in Piazza Mantegna.

Vi ricordo che il prossimo nostro ritrovo sarà sabato 26 febbraio alle ore 16,30 presso l’aula Magna dell’Università in via Scarsellini per il primo incontro nella ricorrenza dei 150 anni dell’unità d’Italia, che vedrà la presenza di don Luigi Ciotti e del prof. Romano Prodi (qui l’evento su Facebook).

Questo evento sarà preceduto da alcuni interventi sulla Gazzetta ( che alcuni giorni prima metterà in vendita al prezzo simbolico di 1€ il testo della Costituzione) con la quale stiamo verificando la possibilità di trasmettere l’evento in diretta sul canale di Repubblica.

Vi trasmetto il volantino dell’incontro con l’invito di ritrasmetterlo a vostra volta, stamparlo e lasciarlo dove vi sia possibile.

Alessandro Monicelli per LeG Mantova, 14 febbraio 2011