Analogie! Il manifesto dei Responsabili e il manifesto Fascista

 

Pare che il Movimento di Responsabilità Nazionale abbia redatto il proprio manifesto attingendo a piene mani dal Manifesto degli intellettuali fascisti di Giovanni Gentile.

Qui trovate le due versioni, le fonti sono il sito del MRN e il testo di Gentile tratto da Wikipedia.

Responsabilità Nazionale è il movimento recente ed antico dello spirito italiano, internamente connesso alla storia della Nazione Italiana.

Il Fascismo è un movimento recente ed antico dello spirito italiano, intimamente connesso alla storia della Nazione italiana, ma non privo di significato e interesse per tutte le altre.

Responsabilità è politica morale. Una politica che sappia coinvolgere l’individuo a un’idea in cui esso possa trovare la sua ragione di vita, la sua libertà, il suo futuro e ogni suo diritto.

…. un’idea in cui l’individuo possa trovare la sua ragione di vita, la sua libertà e ogni suo diritto

Responsabilità di Patria è la riconsacrazione delle tradizioni e degli istituti che sono la costanza della civiltà.

Codesta Patria è pure riconsacrazione delle tradizioni e degli istituti che sono la costanza della civiltà, nel flusso e nella perennità delle tradizioni.

Responsabilità è concezione austera della vita, non incline al compromesso, ma duro sforzo per esprimere i propri convincimenti facendo sì che alle parole seguano le azioni.

È concezione austera della vita, è serietà religiosa [… ] ma è duro sforzo di idealizzare la vita ed esprimere i propri convincimenti nella stessa azione o con parole che siano esse stesse azioni.

Ringrazio Antonio Scalari, autore di questa incredibile scoperta. Proprio nei giorni in cui il PDL presenta in senato un disegno di legge per abolire la norma che prevede il divieto di ricostituzione del partito fascista, è sorprendente che il proprio il MRN, gruppo parlamentare che ha permesso alla maggioranza di restare al potere, abbia scelto nel proprio manifesto fondativo di rifarsi con tanta spudoratezza al vergognoso manifesto fascista. Un documento che, oggi come allora, getta un’onta di disonore sulla qualità della politica italiana e dei suoi gregari, servi del potere, privi di libertà.

Fabio Di Benedetto per Libertà e Giustizia Mantova

Annunci

  1. mariano

    Le analogie tra il ventennio ed oggi sono molte. Ieri gli intellettuali-stampella del fascismo, oggi i responsabili-stampella del berlusconismo (la tragedia e la farsa!). La cosa non mi meraviglia affatto. Non abbiamo ancora capito, forse, dove vogliono arrivare questi? Per ora non hanno ancora istituito i tribunali speciali ma ci arriveranno presto. Per conto mio diffonderò il più possibile questo testo. chissà che non tolga le fette di salame dagli occhi di qualcuno anche se sono convinto che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

  2. SERGIO

    Fratelli miei,ovunque voi siate e viviate,sappiate che il passato è tornato e siamo tutti chiamati alla lotta e alla battaglia per la Libertà e la Democrazia.
    Questo è un nuovo tempo di guerra e nessuno può tirarsi indietro di fronte al nemico che vuole distruggere la nostra Patria.
    Contro ogni secessione e per l’Unità del nostro amato paese.
    Per l’Italia e per Roma vittoriosa Fratelli miei !!!

  3. Andrea

    Siamo semplicemente alla vigilia delle dichiarazioni ufficiali, perché non possono piú rivoltare le frittate come una volta. Alcune ammissioni sono già avvenute (“Berlusconi usa le leggi per difendersi dalla magistratura”, cit.).

    Non sono sopreso, lo dico dal ’94.
    Mi rispondevano che deliravo.

    P.S. Ho 36 anni.

  4. giorgio larentis

    privi di originalità come tutti gli epigoni, copie sbiadite di figure già travolte dalla storia, andranno a sbattere insieme al loro padrone contro le difese che la nostra democrazia può trarre a piene mani da una Costituzione umana e solidale colma di promesse ed impegni ancora da adempiere a protezione ed estensione delle libertà da tutte le servitù.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...