Pomigliano d’Arco, uno scontro al “cuore” dell’uomo

Gli operai sono ricomparsi in prima pagina. Il referendum alla Fiat di Pomigliano li ha posti al centro. Lo scenario era predisposto per sancire la svolta epocale. Dopo Cristo, diceva Marchionne, per indicare un nuovo inizio nelle relazioni industriali, con l’eliminazione del conflitto e l’assoluto dominio padronale. Da tutte le parti si soffiava per l’unica razionalità possibile: il Si incondizionato alle  richieste aziendali che inaspriscono le condizioni di lavoro e impongono deroghe a diritti costituzionali (sciopero, malattia e permessi elettorali).

Invece oltre il 36% ha detto No. La prevalenza dei Si è una vittoria, ma una vittoria amara. L’obiettivo, infatti, era il plebiscito a favore, che sancisse la morte di ogni opposizione. Doveva diventare un simbolo, come 30 anni fa la marcia dei 40.000 a Torino. Avrebbe ispirato altre replicazioni anche nelle fabbriche del nord. Invece il consenso pieno è mancato, anzi, si è rovesciato nel suo contrario

Il messaggio dei No è chiaro. Il lavoro umano ha una sua dignità e va difesa, anche in tempi di crisi, sfidando i ricatti più neri e i poteri più forti. Al fondo è brillata una resistenza etica: il rifiuto dell’umano alla sua robotizzazione e liquidazione. E’ un messaggio universale. Che vale anche per tutte le situazioni di lavoro in cui è già in atto quanto viene preteso a Pomigliano.

Il No è anche un messaggio politico contro chi vuole eliminare i contratti nazionali di lavoro (senza i quali si riduce la quota globalmente destinata ai salari e aumenta la disuguaglianza all’interno degli stessi lavoratori)  e contro il governo pronto a sfruttare l’occasione offerta dalla Fiat per aggredire la Costituzione italiana, anche sul fronte del lavoro.

Recentemente la Confindustria ha dichiarato che per l’industria italiana “il peggio è passato” e “l’economia italiana è fuori dalla recessione”, contestualmente però i disoccupati hanno raggiunto il 9,1% e nel 2011 potrebbero salire al 9,6%. In realtà, già da ora, includendo cassintegrati e ridotti a part-time, la quota che cerca un nuovo lavoro supera  il 12%. Giovani (30% disoccupati) e donne (al sud 43,6% disoccupate) sono i più colpiti. L’esercito dei precari, condannati alla totale invisibilità, continua a crescere e  sono pagati dal 20 al 30% in meno di quelli che hanno un contratto a tempo indeterminato, con molte più probabilità di perdere il posto di lavoro (T. Boeri).

La tecnologica consente di produrre più ricchezza, riducendo il lavoro umano. La crisi finanziaria ha fatto emergere la fragilità di un sistema di sovrapproduzione che si è sviluppato a partire dagli anni ’90. E’ un problema epocale che va affrontato. Anche in termini di redistribuzione della ricchezza. Non certo ricorrendo alla barbarie di quel nichilismo che spreme la vita delle persone, riducendole a macchine senz’anima.

Già nel 1982 il card Martini parlava dello scontro frontale tra due logiche: quella del “modello tecnicista nell’ottica quantitativa dell’avere” e quella che fa riferimento al “cuore” dell’uomo. Lo scontro è pienamente in corso.

di don Roberto Fiorini

Sottoscrivono:

Libertà e Giustizia, Centro Bruno Cavalletto, Banca Etica Mantova, Bacchi Maria, Bellintani Giovanni, Benazzi Marzia, Bignotti Carla, Bottoli Gisella, Colombo Giovanna, Di Benedetto Fabio, Di Francesco Caterina, Dessy Danila, Fiorini Roberto, Fraccalini Fausto, Galassi Laura, Goffredi Gino, Lazzari Flavio, Lucchini Catia, Magagnotti Daria, Mazzoli Paolo, Monicelli Alessandro, Morselli Caludio, Penzo Antonio, Pancera Claudia, Perani Milena, Reggiani Franco, Soliani Maria Grazia, Venturi Fulvio.

Tito Boeri sull’occupazione giovanile in Italia a Focus Economia, Radio24 – 2 luglio

La puntata in versione integrale sul sito di Radio24.

Annunci

Un Commento

  1. FdB

    Certo sono d’accordo con don Fiorini.. dovremmo però chiederci qual’è la condizione del lavoro a Mantova, quale la situazione del sindacato a Mantova, quali i rapporti fra criminalità e lavoro a Mantova.

    LeG ha già pubblicato altri post sul lavoro, questo in particolare ci ricorda come nella nostra città il conflitto fra azienda e lavoratori sia drammaticamente in corso. A ciò ovviamente si aggiungono gli ultimi sviluppi.

    Credo però che non vi sia tanto da produrre più ricchezza grazie alla tecnologia, quanto da cambiare il modo di produzione e di consumo.

    Il problema qui si pone non in termini di “crisi del sistema automobilistico”, ma come crisi del diritto dei lavoratori. Conquistato a caro prezzo.
    La nostra Repubblica si basa sul lavoro… rivendichiamo il significato del primo articolo della Costituzione!

    Sindacati e politica dovrebbero essere protagonisti in questa battaglia: senza un loro contributo fattivo non credo sia possibile una reale strategia di opposizione allo sfruttamento disumano dell’epoca dopo Cristo, per dirla alla Marchionne..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...