Libertà e Giustizia a Virgilio (MN), incontriamoci.

Sentinella, a che punto è la notte?

Chiedo scusa al coordinatore provinciale di Libertà e Giustizia, Alessandro Monicelli, se inizio queste mie considerazioni con la stessa domanda che ha introdotto il suo ultimo intervento apparso sulla Gazzetta alcuni giorni fa.
La metafora della notte è ampiamente palese e a tal proposito vorrei scomodare, con tutto il rispetto dovuto, una figura come don Dossetti e prendere da questo frate la lettera inviata al sindaco di Bologna Vitali nel maggio del ’94. Commemorando Giuseppe Lazzati, Dossetti si chiedeva quanto resta della notte per i tanti (perché sono tanti) che non trovano una rappresentanza, una rappresentanza per uno stato libero da ingerenze affaristico politiche, per uno stato laico che rispetta la vita (e la morte) umana, che non vuole usare il dolore di moltitudini di migranti come clava per imporre regole irregolari. Sentinella, quanto resta della notte? E noi dentro a questa notte dove i cittadini non sono tutti sub-lege, uguali nei loro diritti e doveri, dove infrangere le regole diviene un vanto, nel silenzio e nell’indifferenza complessiva. Quanto durerà questa notte della coscienza, dell’etica, una notte iniziata – non a caso – proprio nel 1994 ma allevata già da prima da tanti tramonti di idee, speranze, principi.

Se la notte dunque può trovarci sulla stessa strada, più arduo mi pare individuare la sentinella.

Chi da solo può reggere il lume, spingere lo sguardo e indicare agli altri il sentiero per il mattino?
Può da solo assumersene il compito il Partito Democratico? Può farlo in splendida solitudine Libertà e Giustizia? E’ forse demandato alla rete, alle sacche di resistenza, pur presenti nella società italiana? Mi pare che la risposta sia ardua e complessa, ma che nella sostanza si traduca nella necessità che tutte le componenti di un comune sentire aderiscano a un percorso di incontro e di ascolto.

Vorrei iniziare assumendomi per Virgilio – il paese dove, al pari del coordinatore di LeG_MN, anch’io vivo – il compito di proporre l’inizio della traversata. A chi ha facoltà di farlo agisca. La sentinella nella notte non è passiva, a chi gli chiede risponde: se volete domandare, domandate e venite.

Maurizio Raschini (iscritto Pd e residente a Virgilio)

Annunci

Un Commento

  1. elio manfredini

    Non é dal fatto della stima che ho per Maurizio Fontanili inibisca ad esserne critico, anzi é il contrario, ciò che mi permetto di suggerire ai vari Cordibella, alessandro monicelli, Cappelletta, Cerese, Libertà e Giustizia, mantova, Maurizio Raschini, PD Virgilio, Pietole, Virgilio e tutta le burgerarchia locale di tutto il centro sinistra, é che agire stupidamente non soltanto non paga, disrugge la stessa possibilità di diffundere il sapere la conoscenza come bene comune, mi vieta intervenire su qualsiasi conferenza del centro destra di Mantove: come potrei criticare la mancanza di democrazia e libertà quando questi tipi mettono ed obligano al bavaglio tutto il popolo di centro sinistra? Come potrei giustificare la volontaria distruzione dell’Ampi, ed ogni altra sigla che contribuirono al bene comune.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...