Ebbri di successo

Mariano Rubini mi ha trasmesso questo testo di una attualità sconvolgente:

Ove la figura di un uomo di successo si manifesta in maniera particolarmente visibile, la maggioranza cade vittima dell’idolatria del successo. Essa diventa cieca nei confronti del diritto e dell’ingiustizia, della verità e della menzogna, dell’onestà e dell’abiezione. Vede solo più l’azione, il successo. La facoltà del giudizio etico e intellettuale si ottunde di fronte allo splendore del successo e al desiderio di partecipare in qualche modo a esso. Addirittura non si riconosce più che, con il successo, la colpa si cicatrizza appunto perchè la colpa non viene più affatto riconosciuta. Il successo è semplicemente il bene. Tale atteggiamento è genuino e perdonabile solo nello stato di ebbrezza. Una volta rinsavito lo si può adottare solo a prezzo di una profonda falsità interiore, solo ingannando consapevolmente se stessi. Ma allora si verifica una corruzione interiore da cui è difficile guarire.

Sapete quando è stata scritta?   Fine anni Trenta, nello scritto “Etica” da Dietrich Bonhoffer, il pastore protestante ucciso nei campi di concentramento nazisti!

Alessandro Monicelli

Annunci

Un Commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...